E' IL MOMENTO DI FARE SCORTA DI ANTIDOTI PER SALVARE LA TUA IMPRESA DALLA CRISI CHE STA ARRIVANDO A CAUSA DEL CORONAVIRUS

ASSICURATI IL POSTO NELL'AREA PROTETTA!

Una piano strategico di conquista degli appalti può determinare il futuro della tua azienda, vuoi sapere come?

Lo so, è un argomento che immagino anche tu sia stufo di sentirne parlare, alla TV si parla solo di contagi, quarantene, lockdown, restrizioni, morti.

Ma nessuno ti aiuta, nessuno ti fornisce soluzioni pratiche o indicazioni corrette per evitare il collasso della tua azienda, in questo difficile momento.

A livello economico stiamo attraversando uno dei periodi più duri dal dopoguerra.

Dammi quindi la possibilità di spiegarmi e ti mostrerò in che modo potrai dotarti delle armi giuste per vincere gli appalti anche in questo periodo di crisi del settore e che potrai usare per i prossimi 20 anni.

Se partecipi alle gare d’appalto sai benissimo che oggi:

  1. gli appalti pubblicati sono diminuiti notevolmente rispetto a 15 anni fa, quando entrò in vigore il Primo Codice degli Appalti (tranne che per qualche regione);
  2. L’epidemia da Coronavirus ha drasticamente dimezzato la pubblicazione delle procedure aperte rimaste, forse anche di più dopo l’entrata in vigore del Decreto Semplificazioni;
  3. la maggior parte di esse saranno valutate con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, per non parlare del fatto che non saranno più pubblicate fino al 31/12/2021;
  4. Le poche gare d’appalto che sono state pubblicate hanno subìto uno slittamento delle scadenze perché anche gli Enti hanno lasciato a casa i loro funzionari;
  5. partecipare alle gare è diventato sempre più difficile perché le regole dicono tutto e il contrario di tutto, pensi di vincere una gara e il giorno dopo c’è qualcuno che tenta di togliertela;
  6. la gran parte degli appalti sono riservati a poche ditte elette;
  7. per di più a quelle poche gare che riesci a partecipare è anche difficile indovinare il ribasso vincente, a causa del gran numero di aziende che concorrono;
  8. i costi da sostenere per partecipare sono aumentati nel tempo (anche se a causa del Coronavirus hanno sospeso il pagamento dei contributi di gara e le garanzie… ma ritorneranno);
  9. la concorrenza oggi è fatta anche da aziende non strutturate a cui basta conoscere un’impresa disinteressata che presta i requisiti e così può partecipare al pari di imprese più strutturate che hanno svolto anni di duro lavoro per raggiungere il livello e le certificazioni che possiedono
  10. gli appalti migliori sono riservati alle solite aziende

MA…

esistono aziende con i “superpoteri” che nonostante i tempi poco rosei riescono a vincere gare e portare serenamente la pagnotta a casa senza difficoltà.

Perché, secondo te?

Perché sono fortunate?

No.

Perché hanno maghi e stregoni che indovinano i ribassi, il numero di partecipanti e chi verrà escluso?

No.

Perché hanno i legali migliori?

No, anche se è un fattore importante.

Perché sono ormai grandi imprese storiche?

No, tante aziende storiche hanno chiuso i battenti perché continuavano a vivere come se fossero nello preistoria, facendo la fine dei dinosauri.

Perché sanno comprarsi coloro che prendono decisioni all’interno delle Stazioni Appaltanti?

Beh, qui ci siamo quasi!

Ti direi subito di sì, ma non sarebbe propriamente corretto

e tu capiresti invece che occorre dare le tangenti per vincere.

Se hai sempre pensato che occorre dare tangenti o scambiare favori per aggiudicarti un appalto, ancora oggi credi in questo sistema sporco e pensi che sia l’unico modo per vincere negli appalti, ti invito a chiudere immediatamente la pagina, perché vorrebbe dire che non vuoi crescere ed essere un vero imprenditore!

Continua a rovinare la tua azienda e portarla al collasso.

Semmai preferisci addossare le colpe a sconosciuti anziché assumere le tue responsabilità e tentare di capire che i tempi sono cambiati e la tua azienda non si è evoluta.

Non sto dicendo che non ci sono imprenditori che agiscono così.

Dico invece che bisogna “comprarsi” i clienti nel senso che occorre ad esempio usare il marketing strategico per arrivare alle Stazioni Appaltanti.

Attenzione!

non dico che devi fare volantinaggio o sponsorizzate sui quotidiani o sul web. Nulla di tutto questo, non è marketing strategico.

Ecco perché è appurato che il 99% delle imprese che fanno gare d’appalto non sa cosa sia il vero marketing e come si può mettere in pratica.

Tuttavia…

Esiste un ristretto numero di imprese che sono già in possesso dei segreti per distruggere la concorrenza.

Di quali segreti sto parlando?

Il primo e più grande segreto per polverizzare la concorrenza è… rullo di tamburi:

Non rimanere fermi!

No, non sono impazzito. Ti posso assicurare che dietro a questa frase c’è un intero universo di informazioni che ha permesso me e tante altre persone di ottenere il successo con la propria attività.

Ma permettimi di spiegarti meglio.

Per garantire crescita ed espansione costante alla tua attività, infatti, non devi mai rimanere fermo, devi sempre stare davanti e fare in modo che siano gli altri a inseguirti, a mangiare la polvere e ad annusare i tuoi “gas di scarico”.

Queste aziende di cui ti ho parlato sono gestite da imprenditori che non hanno aspettato inutilmente di essere aiutate dallo Stato ma hanno preso in mano la situazione e stanno mettendo in pratica per primi le strategie, le tattiche, i trucchi e le armi tecnologiche più avanzate per vincere gli appalti anche in modo ricorrente.

Stanno studiando molto e allo stesso tempo stanno elaborando la prima strategia che devono usare per non trovarsi in difficoltà non appena questa fase di stallo sarà passata, così si troveranno chilometri avanti alla concorrenza.

Hanno dotato anche i loro collaboratori della conoscenza e di tutti gli strumenti per essere sempre un passo avanti rispetto alla concorrenza.

Nel mondo delle gare d’appalto dal 2016 è tutto cambiato.

Utilizzare i soliti metodi e vecchi modelli di business, basati su una mentalità “vecchio stile” non è più la soluzione corretta per sopravvivere in un mercato che diventa sempre più esigente e aggressivo.

Spero tu abbia capito finalmente che è anche inutile credere di poterti aggiudicare un appalto in cui partecipano oltre 200 aziende e solo una salirà sul podio.

Non esiste un premio per il secondo, né per il terzo, né premi di consolazione per i perdenti.

Ecco perché piano piano dovrai dotarti di “Super Soldati” nel tuo ufficio gare, come il Capitano John Miller

(sono quasi sicuro che avrai sentito parlare del film “Salvate il Soldato Ryan”)

e in più dovrai equipaggiarti delle armi tecnologiche che ti aiutino a vincere gli appalti e allo stesso tempo distruggere la tua concorrenza diretta e indiretta!

Inoltre e contemporaneamente devi costruire sin da subito una strategia nuova, devi fare in modo che i tuoi clienti privati e in particolar modo le Stazioni Appaltanti si sentano costretti a preferire la tua azienda per essere invitata più facilmente agli appalti o affidarti direttamente gli appalti migliori.

È fondamentale che tu rimanga al passo con le nuove tecnologie e metodi di acquisizione clienti e commesse che stanno cavalcando l’onda del cambiamento, per rendere un momento “apparentemente” difficile, l’occasione giusta per te, per fare la differenza nel tuo settore.

Il concetto di base è

  • NON voglio più affidarmi a personale vecchio, stanco, con pochi stimoli e scarsa voglia di aggiornarsi
  • NON voglio mettere la mia azienda nelle mani della fortuna
  • NON voglio aumentare i miei costi fissi
  • VOGLIO invece ridurre gli sprechi, migliorare il settore gare, creare e migliorare il reparto marketing e di acquisizione clienti/commesse pubbliche

Quindi è chiaro che NON devi dotarti di un sistema “palliativo” che può essere solo un po’ più performante di quelle che hai.

Ad esempio è inutile affidarsi ad agenzie creative che non conoscono come si partecipa agli appalti pubblici.

E non serve sperare che basti conoscere le normative, o affidarsi a fornitori che ti offrono calcolatori magici che indovinano i ribassi!

Devi invece innanzitutto cambiare approccio, passare da azienda passiva (che aspetta la pubblicazione dei bandi di gara) ad azienda attiva, in grado di diventare il consulente perfetto delle stazioni appaltanti.

Per fare questo però devi implementare in azienda un nuovo modello di business e farti guidare da personale esperto in appalti e marketing strategico.

Un passo falso ti farà solo gettare vagonate di denaro dalla finestra.

La chiave del successo nel reparto gare e acquisizione di commesse oggi si nasconde dietro questo concetto e dietro il corretto rapporto tra “Guadagno-Investimenti”, che ti aiuteranno a generare più liquidità e cassa.

Liquidità e cassa che potrai poi reinvestire in azienda per scavalcare la concorrenza nel tuo settore e diventare il punto di riferimento per i tuoi clienti privati e pubblici.

Un metodo quindi basato su NUMERI, non sulla fortuna!

E quindi cosa ti resta da fare?

Scegliere di entrare in questa benedetta area protetta e salvarti definitivamente da ogni virus!

 

E’ l’unico percorso strutturato per l’imprenditore di una ditta appaltatrice insieme al team dell’ufficio gare

(anche se hai un addetto solo oppure hai deciso di volerti dotare di un responsabile gare)

che permetterà alla tua impresa di adottare il modello di business corretto per vincere gli
appalti in maniera ricorrente nel 21° secolo!

Voglio mostrarti la potenza di fuoco di quello che otterrai, attraverso le parole di alcuni miei talentuosi studenti.

In principio i dubbi sono venuti anche a Michele, un imprenditore che si occupa di Termoidraulica, ma ha capito subito che occorre cambiare strada per entrare in maniera importante nel mondo degli appalti.

Quindi quello che vedrai è un breve video estratto dalla presentazione dell’Anteprima di Appaltatore Stratega, un evento di due ore in cui è stato presentato il nuovo percorso.

Ha desiderato partecipare insieme al suo responsabile gare ed ha deciso immediatamente di iniziare il processo di reingegnerizzazione della sua azienda per far breccia nelle Stazioni Appaltanti, incominciando da quelle che ormai sono diventate clienti.

Guarda quindi la video-testimonianza che ci ha lasciato il suo responsabile gare Francesco dopo che ha seguito in diretta l’Anteprima di Appaltatore Stratega:

“Okay Andrea, mi hai convinto! Voglio assolutamente conoscere tutti i vantaggi di Appaltatore Stratega e conoscere il percorso” 

Dimmi cosa devo fare!”

Clicca sul pulsante qui sotto
compila la scheda con tutti i tuoi dati completi e verrai presto contattato da un nostro tutor, che ti illustrerà tutte le modalità di adesione, costi e bonus riservati a te!!

Lascia che ti spieghi una cosa:

Il sistema di partecipazione agli appalti è rimasto ancorato a sistemi e metodi di quasi 20 anni fa, in cui ci si deve qualificare prima per partecipare agli appalti pubblici.

Ad esempio nel settore dei lavori basta fare un po’ di contratti anche privati, farsi certificare in qualche modo la regolare esecuzione e poi tramite un Ente Certificatore SOA si può ottenere un’attestato che permette alla tua impresa di partecipare alle gare.

Nei servizi invece è ancor più semplice perché non esiste nemmeno un obbligo di certificazione per poter partecipare, basta un elenco di lavori eseguiti dello stesso tipo e di importo superiore e “di regola” puoi partecipare.

Ma fino ad una decina di anni fa non c’era ancora la concorrenza di oggi negli Appalti Pubblici.

Con le formule di aggregazione concesse ora, ad una gara di costruzione di un edificio ad esempio puoi trovarti come concorrente uno che a malapena sa usare la cazzuola e il frattazzo!

E la tua azienda storica, con tanta esperienza e diversi dipendenti da mantenere… è bella che fritta!

Quindi è ora di ristrutturare il tuo sistema di acquisizione clienti privati e pubblici (ammesso che tu ne abbia uno).

Ma se partecipi ancora alle gare d’appalto semplicemente scegliendo tra gli avvisi che ti vengono proposti da fornitori di avvisi di gara, oppure aspetti di essere contattato dai potenziali clienti che vogliono chiederti un preventivo… 

ti do una brutta notizia: 

NON HAI UN SISTEMA DI ACQUISIZIONE CLIENTI!

E’ quindi necessario crearlo immediatamente prima che lo facciano i tuoi concorrenti!

Come ha fatto la ditta DMD COSTRUZIONI che non ha assolutamente esitato e, nonostante le difficoltà del momento ha voluto partecipare all’evento:

La mia prima promessa per te:

Ti preannuncio che già la prima conversazione con un tutor di Appaltatore Stratega potrebbe crearti forti contrasti interni, pensieri e dolori a livello psicologico perché metterò a nudo molte verità che non si conoscono, o che si preferisce far finta che non esistano.

Già dal primo contatto e la prima fase di consulenza sarai in grado di ottenere i seguenti benefici:

  • avrai un’idea chiara di come non si deve partecipare agli appalti oggi, comincerà a frullarti nel cervello una marea di idee da mettere in pratica sin da subito per entrare nelle grazie delle Stazioni Appaltanti;
  • conoscerai i motivi per cui la tua impresa stenta a decollare, prenderai conoscenza di dati che finora a te erano sconosciuti;
  • capirai quali sono le leve che spingono i clienti a preferire la tua impresa per realizzare gli appalti;
  • conoscerai quali sono le tecnologie necessarie non solo per preparare gli appalti, ma anche utili per entrare nella mente dei tuoi clienti;
  • sarai considerato dai tuoi collaboratori come un vero leader, perché potrai renderli partecipi delle tue strategie e si sentiranno finalmente parte importante dell’azienda, dando il massimo impegno.

“Okay Andrea, mi hai convinto! Voglio assolutamente conoscere tutti i vantaggi di Appaltatore Stratega e conoscere il percorso” 

Dimmi cosa devo fare!”

Clicca sul pulsante qui sotto
compila la scheda con tutti i tuoi dati completi e verrai presto contattato da un nostro tutor, che ti illustrerà tutte le modalità di adesione, costi e bonus riservati a te!!

Ci sono momenti per un imprenditore in cui è necessario riflettere.

E momenti in cui è necessario agire.

Oggi siamo nel secondo caso.

Ora è il momento decisivo per diventare finalmente l’eroe della tua azienda,

come il Capitano John Miller quando accettò la missione ed organizzò le operazioni di salvataggio per riportare il soldato Ryan a casa.

 

Copyright © 2020 | Titans Group – Via Vittoria 11E– 85016 Pietragalla, Italia | P.IVA 02038720765

×
×

Carrello